Tokheim Sofitam Italia S.r.l. ha istituito al proprio interno un organismo di ispezione di tipo C (così come definito dall’Appendice A.3 della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020) per l’esecuzione delle verificazioni periodiche su strumenti di misura utilizzati per funzione di misura legale, ai sensi del D.M. 93 del 21 aprile 2017 e nello specifico per effettuare i controlli metrologici legali periodici di sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall’acqua con portata fino a 200 l/min., associati ad apparecchiature ausiliarie, incluse le verifiche su distributori di GPL.

La Direzione di Tokheim Sofitam Italia S.r.l.è consapevole dell’importanza dei valori fondamentali quali imparzialità, integrità ed obiettività che un organismo di ispezione deve garantire, per trasmettere fiducia a tutti i soggetti coinvolti nel processo di ispezione.

A tal fine la Direzione di Tokheim Sofitam Italia S.r.l. ha strutturato la propria organizzazione in modo tale da eliminare possibili conflitti tra le attività proprie dell’organizzazione e le attività dell’organismo di ispezione, garantendo un’adeguata separazione di responsabilità e di rendicontazione tra le attività ispettive e le altre attività eseguite da Tokheim Sofitam Italia S.r.l.. A tal riguardo la Direzione di Tokheim Sofitam Italia S.r.l. garantisce che tutte le attività ed i processi connessi con le ispezioni siano esercitate in maniera da escludere che pressioni di tipo commerciale, finanziario o di altro genere possano comprometterne l’indipendenza e l’imparzialità. Il Responsabile Tecnico dell’organismo di ispezione (ed il suo sostituto) dipendono gerarchicamente e rispondono solo ed unicamente al Legale Rappresentante della società, svolgendo l’incarico assegnato in via esclusiva ed avendo incarichi che non possano compromettere l’imparzialità dell’organismo. Queste due figure non sono in alcun modo coinvolte in attività di qualsiasi tipo (es. progettazione, produzione, manutenzione, etc.) degli oggetti sottoposti ad ispezione.  Le attività ispettive e le altre attività in potenziale conflitto di interesse (es. manutenzione), se svolte dallo stesso soggetto, sono svolte in maniera distinta ed indipendente.

L’organismo intende inoltre garantire con continuità:

  • l’obiettività e l’imparzialità nello svolgimento delle ispezioni;
  • la gestione di eventuali conflitti di interesse;
  • la riservatezza delle informazioni acquisite;
  • la competenza e l’affidabilità del personale coinvolto nel processo ispettivo.

Al fine di perseguire tali obiettivi, l’organismo di ispezione si è attivato:

  • implementando un sistema di gestione qualità, continuamente monitorato e mantenuto attivo,  conforme alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 (secondo i requisiti previsti per gli organismi di tipo C, cosi come definiti nell’appendice A.3 della stessa norma stessa), norma di riferimento per gli organismi che eseguono ispezioni;
  • predisponendo a mantenendo aggiornato un documento di analisi dei rischi, nella quale sono indentificati con continuità i rischi per l’imparzialità dell’organismo e le azioni da intraprendere per mitigare tali rischi;
  • predisponendo un tariffario nel quale sono riportati i criteri economici per la formulazione delle offerte e di eventuali sconti, la cui applicazione non discrimina alcun cliente;
  • definendo specifiche e chiare condizioni contrattuali del servizio ispettivo, anche attraverso la predisposizione di un regolamento generale per le verifiche;
  • facendo sottoscrivere al personale impegnato nelle attività ispettive apposite lettere di incarico attraverso le quali il personale si impegna al rispetto dei principi di riservatezza, imparzialità, indipendenza, integrità e si impegna a segnalare ogni possibile situazione che possa mettere in dubbio il rispetto dei principi sopra enunciati;
  • distribuendo un codice etico comportamentale che deve essere seguito ed applicato da tutto il personale;
  • emettendo l’esito delle verifiche effettuate basandosi solo ed unicamente su evidenze oggettive;
  • utilizzando personale dotato di appropriate competenze, opportuna formazione ed addestramento e sufficiente esperienza per svolgere le attività ispettive in modo adeguato e professionale e monitorando un maniera continuativa il mantenimento di tali competenze;
  • garantendo l'accesso ai servizi di ispezione a qualsiasi soggetto che ne faccia richiesta, senza alcuna condizione discriminatoria di natura commerciale, finanziaria, di dimensioni del Cliente, di numero di ispezioni effettuate o d'appartenenza a particolari associazioni;
  • assicurando che il personale tecnico non sia remunerato in funzione del numero di ispezioni svolte, né dagli esiti delle stesse;
  • impegnandosi ad avere un equilibrato portafoglio clienti con l’obiettivo di assicurare l’assoluta autonomia e totale indipendenza di giudizio;
  • garantendo la gestione tempestiva e imparziale dei reclami e dei ricorsi;
  • non offrendo né fornendo, direttamente ed indirettamente, attività di consulenza di qualsiasi natura;
  • non effettuando attività che possano entrare in conflitto con i servizi erogati, come a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, attività di progettazione, produzione, installazione e manutenzione degli elementi sottoposti ad ispezione.

Scurzolengo

La Direzione